Tururi virtuale

Ariadna
   Ricerca:
   

Nr: 32-33
Marzo-Aprile 2007

Braşovul la Bruxelles
Study case: Brasov County, Romania
Etude de cas: Brasov, Roumanie
Studio di caso: la provincia de Brasov
Festival Maghiar la Apaţa
Magyar Festival at Apaţa
Festival Magyar à Apaţa
Festival Ungherese ad Apaţa
Turism de cinci stele la Braşov
Five Stars Tourism at Braşov
Tourisme de cinq etoiles a Braşov
Turismo di cinque stelle a Braşov
200 de ani de prezenţă evreiască la Braşov
The Jewish Community of Braşov
La Communauté juive de Brasov
La Comunità ebrea di Brasov
Picturile lui Gabriel Stan
The Quest of Gabriel Stan
Mândra, o zonă naturală
Storage Lakes and Touring Area
Lacs d'accumulation et zone touristique
Bacini di raccolta e zona turistica
Prefecturi la standarde europene
Prefectures on EU Standrads
Préfectures à des standards UE
Prefetture a standard UE
Moieciu luptă pentru păstrarea obiceiurilor
Say "Cheese" and eat It!
La joie du fromage
L'allegria del formaggio
Muntele Tâmpa
Mount Tampa - a peculiar Reserve
Muzeul de Etnografie Braşov
Reconstituting anciens Ways of Life
Reconstituer d'anciens modes de vie
Riconstituzione di vecchi stilli di vita
Paştele şi ouăle Învierii
Easter and the Resurrection Eggs
Les Pâques et les oeufs de la Résurrection
La Pasque e le uova delle Risurrezione
Ceremonialul "Plugarul"
The Ploughman's Custom
Il Costume dell'Aratore
Predeal, ţinta vacanţelor reuşite
Predeal, the perfect destination
Predeal, la destination parfaite
Predeal, la destinazione perfetta
Fasching - Caravana Clătitelor
The Pancake Caravan
La Caravane de Crêpes
La Carovana delle Crêpes
Ceremonialul focului la Şinca Nouă
The Wheel on Fire
La roue en flammes
La Ruota in fiamme
Balul portului popular la Rupea
Popular Clothes' Bal
Le Bal de l'Habit Populaire
Il Ballo degli Abiti Popolari

Su Brașov Coltura Archivio Ufficio editoriale Contatto

La Pasque e le uova delle Risurrezione








Come simbolo della Creazione, le uova ispirarono da sempre innumerevoli leggende e fiabe, un?intera letteratura. Nella cultura romena, le opere di giganteschi artisti ? lo scultore Constantin Brancusi ed il poeta Ion Barbu ? gravitano intorno a questi oggetti considerati la forma geometrica perfetta.
Le origini della pratica di dipingere le uova risalgono ai tempi precristiani, quando la gente celebrava il Capo d?Anno il giorno dell?equinozio di primavera. Venivano regalate come simbolo d?equilibrio, di creazione e di fecondità. Nell?Imperio Romano, le uova rosse si annoveravano tra le oblazioni per il dio Janus o consacrate a varie cerimonie religiose.
L?usanza di dipingere le uova fu trasmessa ai cristiani; se il costume è quasi scomparso in molte parti dell?Europa, i romeni ne fecero una vera arte, raffinando le tecniche ed i materiali. Le uova dipinte rilevano costumi, tradizioni ed usanze pervase d?una potente forza spirituale e definiscono le particolarità etniche del nostro popolo. Il folclore conserva alcune leggende cristiane raccontando perché la gente soleva dipingere uova per la Pasqua e come le stesse sono diventate simbolo della risurrezione di Cristo.Secondo una di queste, la Vergine, venuta a lagnarsi per il Figlio crocefisso, aveva collocato ai piedi della croce un cestino d?uova, che diventarono rosse a causa del sangue che gocciolava dalle ferite di Gesù. Dio stesso esortò quindi i presenti a celebrare la coloritura delle uova come ricordo della Sua crocifissione.

Materiali

- uova di gallina
- colori vegetali
- cera d?api

Utensili

- piuma d?oca
- un utensile speciale chiamato ?chisita? fatto da un tubo sottile di metallo di bassissimo spessore
- attraverso cui passa un filo morto
- uno spazzolino usato a coprir superfici più grandi ? punti, linee grosse

Colori vegetali

- rosso: buccia, fiori e fogli di melo dolce, fogli d rosa canina
- blu: violette
- verde: dogli di noce, buccia d?ontano, gemma di girasole
- giallo: fogli di cipolla, buccia di melo selvaggio
- nero: (le uova nere significano le Passioni di Gesù): guscio di noce verde, boccia e fiori d?ontano nero

Tecniche

Prima di essere dipinte, le uova passano tramite due tipi di preparazioni tecniche ? cottura e svuotamento. Gli ornamenti sono dei disegni con cera calda sulle uova bianche, prima di emergerle nel colore. Per più colori, l?uovo viene emerso in colore sempre più scuro, dopo aver disegnato i motivi. Per rimuovere la cera, l?uovo viene collocato vicino ad una fonte di calore poi viene pulito con uno staccio morbido, prima d?essere unto con olio o con grassa per renderlo brillante.

Gli ornamenti

I motivi ornamentali diventarono nel tempo sempre più complicati; soltanto le donne anziane dei villaggi ne conoscono oggi il significato simbolico. I più frequenti sono i motivi geometrici, zoomorfi, antropomorfi rappresentando animali, uccelli, persino scene bibliche, in varie combinazioni.

Dispersione geografica

L?usanza di dipingere le uova copre tutta la superficie del paese. In Valacchia ed Oltenia, gli ornamenti sono naturalistici e contengono meno colori. Nel nord, i motivi ed i colori sono più elaborati. Al monastero Sucevita, i monaci usano piccole bacche per decorare l?uovo. Tara Baresi e la provincia di Brasov distaccano per la delicatezza del disegno e la composizione cromatica.

Rituali

Cariche di simboli religiosi, le uova dipinte non sono meri oggetti decorativi, ma elementi centrali di vari rituali. In Bucovina, i gusci delle uova di Pasqua vengono gettati in fiume, cui acque li portano fino ai Bonari (esseri immaginari, incarnazioni dei bambini morti non battezzati, dimorando ai confini del mondo). È cosi che i Bonari sono avvertiti che tutti i cristiani celebrano la Pasqua.






PROMO




Copyright © Fundatia Umana
Created by S.C. Twin SoftWare S.R.L. Braşov